Menu mobile offcanvas

Logo Menu mobile

Logo MOBILE

www.bolognateatro.it

Logo

3D

IL TEATRO E' L'UNICO SPETTACOLO DAVVERO IN 3D.
DA OLTRE 2000 ANNI.

JoomBall - Cookies

Martedì, Maggio 21, 2019

YouTube

AdSense 1

PUBBLICITA'

LA SOFFITTA 2018

b_300_0_16777215_00_images_extra_la-soffitta.jpgLa Soffitta 2018 - XXX edizione

rassegna di teatro, danza, musica e cinema

Bologna, ottobre-dicembre 2018

Mercoledì 17 ottobre 2018 prende avvio il secondo semestre della stagione de La Soffitta, la rassegna di teatro, danza, musica e cinema promossa dal Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. Giunto alla trentesima edizione, il Centro Dipartimentale fin dall’avvio dell’anno accademico ha segnato diverse novità, a partire dal nuovo responsabile scientifico, Prof. Gerardo Guccini, e da una nuova cadenza del programma, semestrale, di cui si presenta qui il calendario autunnale.

La proposta si snoda tra ottobre e dicembre e conferma La Soffitta quale Centro di ricerca applicata nel quale artisti, studenti e pubblico si incontrano e approfondiscono la propria relazione e interazione.

Le numerose iniziative di spessore corrispondono ai principali filoni operativi del Centro, presentando (sia per teatro, musica e cinema) incontri con gli artisti (come il performer Domenico Castaldo, il danzatore Frey Faust, la compositrice Ada Gentile e noti attori cinematografici del panorama italiano, convegni e momenti di riflessione dedicati sia all’approfondimento, da diverse angolature, di realtà artistiche assestate (come il Colloquio del «Saggiatore Musicale» dedicato a Gioachino Rossini) che alle problematiche aperte della storia recente (come le tavole rotonde su Pier Paolo Pasolini, Alessandro Fersen e le avanguardie musicali prima del Sessantotto). Altrettanto numerosi, e spesso in sinergia con gli incontri, gli appuntamenti spettacolari (con Domenico Castaldo, Frey Faust, Francesca Pedullà, Roberto Latini). Si segnalano infine il seminario di studi su L’ultimo Strauss e diversi articolati progetti: sulla nuova drammaturgia (Confrontarsi in scena, in collaborazione con ERT – Emilia Romagna Teatro), sul teatro di Bergman (Bergman 100) e sul teatro dei dilettanti (Il teatro filodrammatico ieri, oggi e domani), una realtà diffusissima e non ancora abbastanza nota.

Il lungo cammino della Soffitta evidenzia come le trasversalità tra le arti, percorsi artistici, ricerca scientifica e formazione culturale – tratti che distinguono La Soffitta nella programmazione spettacolare in Italia – fossero già ben presente nel Centro fin dagli anni Novanta, e come il fatto di essere un teatro universitario abbia rimodulato dall’interno implicazioni progettuali e possibilità partecipative. Le prime connettono attività e ricerca, le seconde raccordano percezioni immediate e apprendimento, di modo che i percorsi di studio si estendano ai momenti performativi, i convegni s’innestano nei progetti spettacolari, le presentazioni dei libri offrono occasioni di approfondimento ulteriore, e – soprattutto – la partecipazione studentesca viene attivata attraverso workshops, laboratori e richieste di prestazioni diversificate (dalla redazione dei programmi di sala alla documentazione delle attività), secondo il modello di una vera e propria didattica alternativa da estendere alla formazione del pubblico.

L’avvicendamento nella Direzione del Dipartimento, ora affidata al Prof. Giacomo Manzoli, preannuncia altresì che a partire dal 2019 La Soffitta muterà la propria ormai tradizionale configurazione aggiungendo, in conformità con l’allargamento delle componenti dipartimentali, un settore dedicato alle discipline artistiche e uno dedicato alle discipline storico-sociali.

Gli eventi sono ospitati come di consueto principalmente negli spazi del DAMSLab (già Laboratori delle Arti, piazzetta Pier Paolo Pasolini 5/b, con ingresso da via Azzo Gardino 65) e nella sede di Palazzo Marescotti (via Barberia 4), mentre altri appuntamenti saranno svolti in spazi terzi, tra cui il Teatro Arena Del Sole (via Indipendenza 44), a conferma della proficua collaborazione con ERT – Emilia Romagna Teatri.

La maggior parte delle attività è a ingresso libero e/o con ritiro di coupon prima dell’inizio, mentre i biglietti degli spettacoli a pagamento sono acquistabili in loco o sul circuito Vivaticket al prezzo intero di 10 euro o 5 euro ridotto (studenti dell’Università di Bologna su presentazione di tesserino o libretto universitario, youngERcard, over 60).

I progetti de La Soffitta 2018, a cura dei docenti del Gruppo di lavoro del Centro Dipartimentale, sono realizzati grazie al sostegno di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Regione Emilia-Romagna (Assessorato alla Cultura) e Comune di Bologna (Assessorato alla Cultura).

In collaborazione con: ERT - Emilia Romagna Teatro Fondazione | Teatro Arena Del Sole | Fondazione Cineteca di Bologna | Fondazione Musica Insieme | Associazione culturale «Il Saggiatore musicale» | Alliance Française | Associazione Scenario | Cantieri Meticci | Altre Velocità | Teatro dell’Argine | Teatri di Vita | Teatro delle Ariette | Crome – Cronaca e Memoria dello Spettacolo | Future Film Festival | Università di Bologna – Cattedra “Re Abdul Aziz” per gli studi islamici | Bologna Rossini 1868-2018 | Conservatorio G.B. Martini

Con il patrocinio di: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca | Comune di San Lazzaro di Savena


Il programma
Il secondo semestre di attività prende avvio con le attività del settore Musica, mercoledì 17 ottobre (ore 17) con la presentazione del volume “Pietro Verri - Teorico delle arti” di Paolo Gozza (Roma, Edizioni di Storia e letteratura, 2017), alla presenza dell’autore e di Mariafranca Spallanzani.

Il libro esplora un aspetto poco indagato del pensiero di Pietro Verri: la sua visione del ‘sistema delle arti’, tra cui figura ovviamente la musica, la sua originale concezione estetica e la loro funzione nella vita sociale ed interiore dell’uomo. Al termine della presentazione del volume verrà illustrata una recente esperienza didattica che Paolo Gozza ha intrapreso con numerosi studenti, esperienza alla quale i discenti hanno contribuito con una serie di “Quaderni di filosofia e estetica musicale”, ispirati ai temi e ai problemi affrontati nel corso delle lezioni.


Teatro

La sezione Teatro, curata da Marco De Marinis, si articola in sette progetti, che ruotano attorno ad altrettanti temi e performer.

Tra le iniziative articolate, il cartellone prende il via con Domenico Castaldo, attore e regista formatosi al Workcenter di Grotowski e Richard, oggi direttore del Laboratorio Permanente di ricerca sull’Arte dell’Attore, che dopo un workshop riservato agli studenti dell’Università di Bologna, andrà in scena il 18 ottobre (ore 21) con Era Ventura Comincia la Festa!, il concerto spettacolo realizzato dalla Figurelle Orkestar, la realtà attraverso cui il LabPerm declina il concetto di musicalità, da sempre presente in tutti i suoi lavori. Dal 5 all’8 novembre, il focus è su Roberto Latini, unanimemente considerato una degli interpreti più significativi della scena contemporanea italiana. Attore e regista, Latini e il suo Fortebraccio Teatro hanno saputo re-interpretare la tradizione del Nuovo Teatro, radicandosi in quell’area ricca di sperimentazione frutto dell’incontro tra le diverse tradizioni dell’attore, della scrittura drammatica e della regia, coniugate in un’azione che trova nella parola il proprio apice. Dopo un seminario dedicato agli studenti dell’Università di Bologna, il 6 novembre (ore 20.30, all’Arena Del Sole) è in scena Cantico dei Cantici, mentre mercoledì 7 e giovedì 8, nuovamente al DAMSLab (ore 21), è la volta de I Giganti della Montagna e Sei. E dunque perché si fa meraviglia di noi?

Dal 13 al 15 novembre, invece, l’universo del teatro amatoriale è il centro del progetto “Teatro filodramatico ieri, oggi e domani”, a cura di Pierfrancesco Giannangeli, in collaborazione con gli operatori dell’Unione Italiana Libero Teatro (UILT), storica sigla che da oltre quarant’anni coordina l’attività di molte compagnie italiane, organizzando festival e occasioni di studio: compongono il programma due tavole rotonde (martedì 13 e mercoledì 14, ore 15) e tre spettacoli (Sei personaggi in cerca d’autore della Compagnia teatrale “Al Castello”, Persa gentilezza di Gitanjali Teatro e Io sono il Mare di Oneiros Teatro) a dimostrazione dell’eterogeneità dei linguaggi e dell’innalzamento del livello dei filodrammatici.

In dicembre l’approfondimento è dedicato a Ingmar Bergman con il progetto “Bergman 100”, a cura di Roberta Ferraresi: più noto come uno dei maggiori registi cinematografici del Novecento, capace di incidere radicalmente sulla “settima arte” con un percorso che attraversa tutto il secolo fino a toccare il nuovo millennio, Bergman infatti è stato per tutta la vita anche drammaturgo, regista e direttore teatrale. A lui è dedicata la performance della Compagnia La Luna nel Letto / Ass. Cult. Tra il dire e il fare, dove Alessandra Frabetti, Gemma Hansson Carbone e Vanda Monaco Westerståhl, dirette da Marco Sgrosso, interpretano Sussurri e grida, monologhi e dialoghi tratti da film e sceneggiati televisivi del regista svedese. A completamento, il convegno di studi “Bergman e i suoi attori: fra cinema e teatro”, con Vincenzo Esposito, Roberta Ferraresi, Michele Guerra, Giuseppe Liotta, Vanda Monaco Westerståhl, Franco Perrelli, Sara Pesce.

Il programma si completa con seminari e convegni mirati: il 22 ottobre (ore 16), Stefano Casi e Gerardo Guccini promuovono il seminario propedeutico all’organizzazione del convegno “Pasolini giornalista. Parte seconda”, dedicato ad Angela Felice, umanista e studiosa del poeta, prematuramente scomparsa pochi mesi fa. Con loro, anche Carlo Lucarelli, Michele Smargiassi e Siriana Suprani. Il 30 ottobre, è la volta di “Confrontarsi in scena”, un progetto di Emilia Romagna Teatro in collaborazione con La Soffitta, La Bottega dello Sguardo e Riccione Teatro, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”: una serata di letture e di incontro tra una nuova leva di interpreti (finalisti del premio Riccione Pier Vittorio Tondelli 2017) e la drammaturgia teatrale italiana più recente, introdotta da Gerardo Guccini e Claudio Longhi.

Chiude il calendario teatrale il convegno di studi “Sulle tracce di Alessandro Fersen - La latitudine profonda del teatro”, in programma il 12 dicembre, a cura di Clemente Tafuri e David Beronio / Teatro Akropolis.


Danza

La Sezione Danza per l’autunno propone il progetto “Ricerche sul corpo, tra danza e scienza: l’Axis Syllabus”, incentrato sulla strutturata proposta pedagogica ed esperienziale del danzatore americano, ma residente a Berlino, Frey Faust. Inserita nella programmazione di Scie Festival, evento ideato e curato da Nuvola Vandini e Francesca Pedullà, in collaborazione con il Network Internazionale di Ricerca Axis Syllabus (ASIRN), l’iniziativa si articola in un laboratorio pratico riservato agli studenti dell’Università di Bologna, e nella tavola rotonda “Costruire il corpo, di sottile tessitura” alla quale parteciperanno studiosi e danzatori (31 ottobre), mentre l’1 novembre (ore 21) è in programma lo spettacolo di Myelin Zone, Soliloquio a due.


Cinema

La sezione Cinema della Soffitta, a cura di Sara Pesce e Veronica Innocenti, nel secondo semestre propone il sempre atteso “Attrici e attori incontrano il pubblico”. Dopo Luigi Lo Cascio, Roberto Herlitzka, Neri Marcoré, Sandra Ceccarelli, Elio Germano, Silvio Orlando, Iaia Forte, Federica Fracassi, Valentina Cervi, Pif, Elio De Capitani, per il 2018 gli ospiti saranno indicati a ridosso dell’evento.

Gli incontri, accompagnati da proiezioni o brevi saggi attoriali e aperti alla cittadinanza, permettono a questi artisti di raccontare se stessi in un dialogo con studiosi del settore e con gli studenti: dall’intervista a un interprete scaturisce, infatti, una comprensione del suo specifico lavoro per il cinema, la televisione e il teatro, che può sfuggire altrimenti allo spettatore e al critico.


Musica

Per il calendario autunnale 2018, la proposta della sezione Musica, a cura di Paolo Cecchi e Carla Cuomo, si concentra su iniziative di studio e di ricerca.

Oltre alla già citata presentazione del volume di Paolo Gozza su Pietro Verri il 17 ottobre (ore 17), giovedì 25 ottobre torna “Incontro con il compositore”, l’iniziativa nata da un’idea di Giuseppina La Face Bianconi ed avviata nel 2017 con l’incontro con Giorgio Battistelli, allo scopo di far conoscere l’opera di alcuni compositori italiani che negli ultimi trent’anni hanno dato un contributo significativo alle vicende e agli esiti estetici della musica contemporanea d’avanguardia. L’edizione 2018 è dedicata ad Ada Gentile, allieva di Goffredo Petrassi, che ormai da alcuni decenni ha intrapreso un percorso compositivo che si fonda su un solido mestiere ed una profonda conoscenza degli stilemi e delle tecniche compositive sia della tradizione, sia delle avanguardie sperimentali nel secondo Novecento.

Mercoledì 7 novembre (dalle 11 alle 18), si svolge, invece, il seminario di studio “Cade L’oro Foglia Dopo Foglia” - L’ultimo Strauss (1938-1948), dedicato all’ ‘ultimo stile’ di Richard Strauss. Giorgio Satragni (Torino), Paolo Cecchi (Bologna), Elisabetta Fava (Torino) e Maurizio Giani (Bologna) affronteranno il tema considerato come un fenomeno ‘appartato’ e ‘inattuale’ sia rispetto all’allora egemone corrente neoclassica, sia rispetto alla coeva ‘nuova musica’ d’avanguardia di conio dodecafonico. L’approfondimento inizierà con la presentazione della monografia di Giorgio Satragni, Richard Strauss dietro la maschera. Gli ultimi anni (Torino, EdT, 2015), quindi lo stesso Satragni tratteggerà un panorama generale dell’ultima produzione straussiana, per poi chiudere con l’analisi, in brevi interventi monografici, dei quattro più importanti esiti strumentali e vocal-strumentali del tardo Strauss: il Sestetto per archi e la Mondscheinmusik da Capriccio (1941), le Metamorphosen per archi (1945), il Concerto per oboe e orchestra (1945), ed i Vier letze Lieder per voce e orchestra (1948).

Nel confermare il consueto laboratorio di musica corale curato da Michele Napolitano, In collaborazione con la cattedra di Pedagogia Musicale del DAMS, in programma da novembre 2018 a maggio 2019, il calendario di musica si conclude il 23 e 24 novembre, con il XXII Colloquio di Musicologia del «Saggiatore Musicale», dedicato a due importanti anniversari. La prima giornata sarà incentrata su “Gioachino Rossini e la didattica”, in occasione del centocinquantesimo anno dalla morte del grande compositore pesarese. La tavola rotonda, coordinata da Lorenzo Bianconi e Piero Mioli (Bologna) e che vede la partecipazione di Paola Besutti (Teramo), Daniele Carnini (Pesaro), Andrea Malnati (Pesaro), Reto Müller (Basilea), Claudio Toscani (Milano), Annarosa Vannoni (Bologna), affronta il tema da una prospettiva storica, focalizzando su due distinti momenti nella traiettoria artistica rossiniana, entrambi incentrati in gran parte su Bologna: da un lato ci si interroga sulla formazione del giovane Rossini che, a inizio Ottocento, in pochi anni ha saputo ottenere un così impeccabile possesso del difficile mestiere dell’operista; dall’altro, all’apice di una fulgida carriera internazionale, ci si chiede come avrà concepito la didattica della composizione il Rossini retour de Paris chiamato nel 1839 a dirigere quello stesso Liceo musicale di Bologna dove aveva studiato da adolescente. La seconda giornata è dedicata, invece, a “Prima del Sessantotto: avanguardia musicale e politica in Italia (1950-1968)”: coordinata da Paolo Cecchi (Bologna), alla presenza di Paolo dal Molin (Cagliari), Gianluigi Mattietti (Cagliari), Paolo Pombeni (Bologna), Raffaele Pozzi (Roma), Graziella Seminara (Catania), la tavola rotonda indagherà – con contributi circoscritti e delimitati di taglio storico-critico – come una serie di compositori italiani d’avanguardia concepirono tra gli anni ’50 e la fine degli anni ’60 una serie di composizioni dalla dichiarata caratterizzazione etico-politica.

AdSense 3

PUBBLICITA'

Mappa del sito

HOME |

La pagina iniziale del sito

SPETTACOLI |

L'elenco degli eventi a Bologna e provincia stasera e questa settimana.

IN EVIDENZA |

Gli spettacoli segnalati da noi.

INTERVISTE |

Le interviste ai protagonisti.

RECENSIONI |

Le recensioni degli spettacoli andati in scena.

INFO UTILI |

Mappa teatri - Info biglietti - F.A.Q. (Domande Frequenti)

Facebook

NEWSLETTER

ISCRIVITI ORA, E' GRATIS!

Accetto Privacy e Termini di Utilizzo